Capitolo 5

  Vedi immagine
La prucesionn  

La processione

- Nona, summ sci!Ta sar miga 'dr am a di s rusari che inc n' gi sent asee.

- L finida la festa? Cum l naia? Ga neva de geent?

- Calma che ta cnti s. Donca: sem nai via de Pria che i eva ses oor, sevm scia n 'na mota. Gh'eva geent de Daas, de Drann, de Locc. C de la basa i' rivaa s de Bugaas. Sem truvaa tcc s sota 'l Rocul de Bolgia. Gh'eva al praa pien de gent: al pareva feragost. Em speciaa al prevost che l riva s de Sammaa insema a na vintena de cerech e 'na desena de cunfratei. Em invia l na prucesionn: la croos al la purtava al neoot del poru Pedrin, quel che l' truaa la Madona,  p gheva i fi, i donn, i omen, i cunfratei, i cerech e al prevost sota al balduchin. Quant semm rivaa a la capela, al craat la cnta s i so giaculatori e p al g' dai la benedizion. La geseta l vegnda propri ben, la ga un purteghett denanz, cun na campanela. Un cerech al se taca l a sunala, che   lavr sent fin a Osten e a S. Margherita.

Dopu lapersion i donn a invia l al rusari. Intant i cerech   trava in gir tant de quel incens che pareva che nass a fch la Bolgia. P, 'l prevost, la d mesa e in predica la tir f di bei parol. La dii che i gent un duman i s regorder de la devuzion de c omen e de c don che nellan 1867, cunt'i so fadiich, i ' dai 'na c a 'na Madunina che la decid de guard la Vall da la scima de na muntagna, a met strada tra  i omen e l Paradiis.

- Ta ma f vegn al magon! E p?

- E p em fai festa! I don ia met gi i tuai in di praa e ia tira f quel chi gh'eva sci: frmacc, pulenta, vin, noos..La fugheti la taca a sun e nmm semm met dr a bal. Al prevost la fai par de nagott e l' mangiaa e bev anca l. Semm invia gi che leva gi foscch.

- Che grazia! Sperem che la Pia labia vist gi ttt!

 La vita l faia de ropp brtt, ma anca de  mument bei cma csti Ah! Pec mur!

 

- Nonna, sono qua! Non starai recitando ancora il  rosario che oggi ne ho sentiti abbastanza.

- finita la festa? Com andata? C era molta gente?

- Calma che ti racconto tutto. Dunque, siamo partiti da Puria verso le sette. Eravamo in tanti.

Cera gente di Dasio, Drano e Loggio. Quelli della  valle bassa sono saliti  da Albogasio. Ci siamo ritrovati sotto il Roccolo della Bolgia. C era il prato pieno di gente: sembrava ferragosto!

Abbiamo aspettato il prete che arrivato da San Mamete insieme ai chierichetti e a una decina di confratelli. Abbiamo iniziato la processione: la croce la portava il nipote del povero Pietro, quello che ha trovato la Madonna, poi cerano i bambini, le donne, gli uomini, i confratelli, i chierichetti e il prete sotto il baldacchino. Quando siamo arrivati alla cappella, il prete ha guidato la Preghiera  e poi ha dato la benedizione. La chiesetta venuta proprio bene, ha un portico davanti, con una campanella. Un chierichetto ha iniziato a suonare talmente forte che si sar sentito fino a Osteno e a S. Margherita. Dopo la funzione le donne hanno cominciato a recitare il rosario. Intanto i chierichetti incensavano laria talmente tanto che sembrava che  il monte andasse a fuoco. Il prete ha cominciato a dire messa e durante lomelia ha pronunciati delle belle parole. Ha detto che le persone un domani si ricorderanno della devozione di quegli uomini e di quelle donne che nellanno 1867, con tutte le loro fatiche, sono riusciti a dare una casa alla Madonnina che ha deciso di proteggere la Valle dalla cima di una montagna: a met strada tra gli uomini e il paradiso.

- Mi fai commuovere! E poi ?

- E poi abbiamo fatto festa! Le donne hanno messo le tovaglie nei prati e hanno disposto quello che avevano: formaggio, polenta, vino, noci La banda ha iniziato a suonare e noi a ballare. Il prete ha fatto finta di niente e ha mangiato e bevuto anche lui. Siamo partiti mentre si stava facendo buio.

- Che grazia! Speriamo che Pia abbia visto tutto! Nella vita ci sono cosa brutte, ma anche momenti belli come questi Ah! Peccato  dover morire!

Indietro   Home   Avanti