Capitolo 6

  Vedi immagine

Al miracul

 

Il miracolo

Cara nona Maria,

guarda n dua ma toca vegn per cntat s cusa lha fai am la tua Madunina. Magari ti ta see i ropp mei de mi, de sicur la tavr gi met aal curent L. Circa un mes fa, n Ceroni de Bugaas chel fa al picapreda, l pasaa denanz  la Capela 'nsema a d  soci . Leva rabioos per cnt s, el diseva chi gent i ga creet a ttt, che la Madona l dum 'n tocch de sass cma ci ch el lavora l. Un so amiis 'l ga d:

- Alora ti, ta ga credet miga che la s spustada de perl?

'l g' respund: - I sass i sa sposta dm 'nsc- e l' ciap la livera chel gh'eva 'n man e la fai per destac la pida del mr. Ma 'pena tucaa 'l sass la livera la ga s scciuncada 'n man. L rest l cum' un popp, cun la boca verta, intant ch'i so soci i sa segnava. I d, che la p parlaa per tri d. P, dun bot, la ind 'n s fradell, che l 'n pezz che l mal, a n s n Bolgia. Tcc i ga diseva che l'eva dai f. Sa regordet cma l 'l sent chel va s de Bugaas? Al ta  maza se ta see san! Ma l:  trc! Al la mena s. I ga met tri d: al prim ia fai sosta a Ps, al segont i s ferm a Poma nela stala den so parent e 'l teerz i riva s. Stu poru omm leva ps de l che de sci! I ga fai un paion denta la Capela e i la met gi l per fal pus. Intant chel durmeva la su dona e c che gh'eva sci nsema ia di s i urazion. Quant al s desed, la bev un poo dacqua de quel surgentin che gh l visin e la dii che ga pareva de sentiss un poo mei. L leva in p e 'l  s invia n gi de parl. L rivaa a Bugaas in  un para d oor.

Eh, nona, sen diset? Ma par quasi de sent la to voos che la ma diis:

- Ta lu sempru d che l na Madona miraculosa!-

 Adess i Ceron  i va dent e f de gesa e quel chel fa al picapreda, la fai f nel sass un acquasantin e 'l la met denta la Capela cun gi lacqua del surgentin.

Sa regordet cus al diseva al por non? Che de quel che dis i gent, bisogna fa la met e p taia via 'mo na feta. Ma de questa storia  anca sen  resta dm n quart,  l sempru tantu!

 

Cara nonna Maria,

guarda dove mi tocca venire, per raccontarti che cos ha fatto ancora la tua Madonnina.

Magari tu sai le cose meglio di me, di sicuro ti avr gi messo al corrente Lei.

Circa un mese fa, un Ceroni di Albogasio che fa il tagliapietre, passato davanti alla cappella insieme a due amici. Era arrabbiato per conto suo, e diceva che la gente crede a tutto, che la scultura con la Madonna solo un pezzo di sasso come quelli che lavora lui.

Un suo amico gli ha chiesto:- Allora te non credi che si sia spostata da sola?

Lui gli ha gi risposto:- I sassi si spostano solo cos- Ha preso la sbarra di ferro che aveva in mano e ha cercato di staccare la Madonnina dal muro, ma appena ha toccato il sasso la leva gli si spezzata fra le mani. restato l impalato, con la bocca aperta, intanto che gli amici facevano il segno della croce.

Hanno detto che non ha parlato per tre giorni. Poi improvvisamente ha convinto suo fratello, che era malato da tempo, ad andare in Boglia. Tutti gli dicevano che era pazzo. Ti ricordi com il sentiero che sale da Albogasio? faticosissimo! Ma lui testardo! Lha portato su.

Ci sono voluti tre giorni: il primo hanno sostato a Ps, il secondo si sono fermati a Poma nella stalla di un suo parente e il terzo sono arrivati. Quel poveruomo era pi morto che vivo.

Gli hanno preparato un pagliericcio nella cappella, lhanno adagiato l per farlo riposare.

Intanto che dormiva, sua moglie e quelli che erano con lei, pregavano. Quando si svegliato, ha bevuto un po dacqua di quella sorgente che c l vicino e ha detto che gli sembrava di sentirsi meglio. Si alzato in piedi e s avviato verso casa da solo: arrivato ad Albogasio in un paio dore. Eh, nonna cosa ne dici? Mi pare quasi di sentire la tua voce che mi ripete:

-Te lho sempre detto che quella l una Madonna miracolosa!-

Adesso i Ceroni frequentano la  chiesa e quello che fa il tagliapietre ha scolpito un acquasantiera e lha collocata dentro la cappella con l acqua della sorgente.

Ti ricordi cosa diceva il nonno?

- Di quello che dice la gente bisogna fare la met, poi togliere ancora una fetta.

 Ma di questa storia anche se ne rimane solo un quarto, sempre tanto!

Indietro   Home